Chi Siamo

WEB RADIO

RADIO 4PUNTOZERO  
è nata a Milano il 13 Maggio 2013
 

Da oramai troppo tempo abbiamo riscontrato una scarsa trasparenza ed obbiettività da parte degli organi di informazione che, in modo sempre meno velato, sono divenuti i portavoci  dei diversi schieramenti politici o poteri di controllo.

Ormai l’informazione è divenuta schiava del potere o dell’ideologia di appartenenza del “soggetto” diffusore della sua palesata verità.

La notizia, scevra da condizionamenti e contaminazioni, è un miraggio a cui il cittadino può sperare di giungere solo e semplicemente tramite una ricerca personale e libera.
Da tutto questo nasce la nostra esigenza di creare una radio che si pone l’ambizioso obbiettivo di fare un’informazione libera e pluralista.
RADIO 4PUNTOZERO non è una radio monotematica indirizzata solo verso l’approfondimento politico, che pur rimane il nostro punto principale, la nostra necessità prima, ma dirige la sua attenzione, il suo sguardo verso tutti i settori, i tasselli che identificano e caratterizzano questa nostra società.

Ci si addentrerà, quindi, anche nel mondo della cultura, della musica, dello spettacolo e del sociale.
Con il programma settimanale di approfondimento politico CADUTA MASSI e gli interventi in diretta di esponenti del panorama politico nazionale e locale, la radio assume, di fatto, una veste pluralista, libera e indipendente ove l’ascoltatore non è solo un fruitore passivo della notizia ma diviene parte integrante e attiva della ricerca di essa grazie alla possibilità di confrontarsi con i diversi ospiti presenti in trasmissionetramite commenti-messaggi o, se ciò sarà richiesto, vocalmente tramite telefonate, tutto sempre in diretta radio.
 
Questa apertura, collaborazione e confronto continuo tra lo speaker e gli ascoltatori sui vari elementi che compongono e identificano RADIO 4PUNTOZERO la  rende la radio di tutti, quella in cui ogni individuo può ritrovarsi, identificarsi e sentirsi parte della ricerca di quella verità spesso negata, di poter avere, finalmente, la possibilità di dar voce ai propri dubbi, di aver risposta a domande palesemente ignorate.